Les Cahiers

La raccolta Les Cahiers, curata da Angelo Cirillo, è una collana autopubblica di quaderni di appunti e di ricerche su fatti, leggende e avvenimenti storico-politici che sono accaduti nel territorio della Diocesi di Aversa. Spesso, per le disavventure della Storia, questi eventi sono stati dimenticati o comunque distorti dall’immaginario collettivo e quindi necessitano di essere riordinati e ri-raccontati con le domande di uno studente di oggi.

La raccolta si inserisce in un progetto di crescita e formazione per la Consulta della Pastorale Universitaria e della Cultura: sia a livello diocesano come sussidio e spunto per studenti appassionati, per organizzazioni giovanili e studentesche, per incontri e progetti culturali; sia di respiro regionale e nazionale come opera divulgativa che mira a valorizzare una terra attraverso le sue bellezze e la sua storia, che non ha nulla da invidiare ad altre città d’Italia per la ricchezza di opere, di avvenimenti storici e di tradizioni culturali e gastronomiche.

Il pamphlet nasce dalla volontà di condividere esperienze e di rendere i dati ottenuti quanto più possibile accessibili quali occasioni personali, prima ancora che comunitarie, di scambio, confronto e spunto per lavori e tesi di studio. (don Mario Vaccaro)

TITOLI DELLA RACCOLTA ATTUALMENTE DISPONIBILI

Sinossi: Una vicenda che scosse l’Europa del tempo, accaduta ad Aversa, prima città normanna d’Italia. La storia dei Rebursa che fecero della disobbedienza il loro tratto distintivo e che non temettero di confrontarsi con imperatori e re. Protagonisti di complotti, omicidi e guerre pagarono a caro prezzo l’ostilità a Carlo d’Angiò e per tale motivo ci hanno lasciato uno dei gioielli più belli della Storia dell’Arte nel Meridione italiano, San Francesco delle monache.

Sinossi: In questa occasione Angelo Cirillo ha provato a svelare il buio che ha nei secoli coperto la chiesa San Bartolomeo ad Aversa: da punto di devozione raccolta (immagine suggerita anche dalle dimensioni di questa cappella) a scrigno testimone delle epoche, per concludere tristemente in cancellata semi-sconosciuta, e comunque non anonima, a due passi dalla centralissima via Roma e dal fulcro della vita attiva della città.